L’esperienza

Il percorso più interessante, un’avventura indimenticabile e spettacolare esplorando il Sud Africa! la Namibia, Botswana e Victoria Falls, paesi che offrono attrazioni uniche che solo può offrire il nostro Grande Percorso dell’Okavango. Vedremo paesaggi fantastici tra le dune rosse del deserto del Namib, le montagne di Spitzkoppe nei verdi canali del Delta dell’Okavango o la vista mozzafiato delle Cascate Victoria. Conosceremo i più autentici gruppi etnici come i pastori semi-nomadi Himba le donne Herero e avremo il privilegio di conoscere la saggezza degli antichi cacciatori-raccoglitori Boscimani. Ancora, sarà possibile seguire la fauna selvatica più spettacolare del continente nelle pianure infinite del leggendario PN Etosha o nel PN Chobe, il parco con più elefanti al mondo. In più quest’anno faremo un’emozionante safari a piedi nel Damaraland! Però il Grande Percorso dell’Okavango è molto di più! Arriveremo dove gli altri solo possono sognare di vivere un giro per la storica Città del Capo. Un tuffo emozionante con i grandi squali bianchi, una notte nella città Afrikaans tradizionale di Calvinia, un safari in natura nel PN Kalahari Transfrontier. Un tramonto nel secondo canyon più grande del mondo Fish River Canyon, catamarano tra pinguini, foche e delfini nella baia di Luderitz, camminare per la città fantasma di Kolmanskop. E ancora sarà possibile avvicinarsi ai cavalli selvaggi di Aus… un’esperienza da sogno. Sorvoleremo per non perdere nessun dettaglio in aereo e elicottero 3 Patrimoni dell’Umanità, oltre alle affascinanti esplorazioni a piedi, in camion, barca, 4×4 e canoa.

Con passione e professionalità di 27 anni di esperienza, abbiamo fatto un’accurata selezione di alloggi e campeggi al miglior prezzo! In modo da offririvi serate siano parte del sogno e che ogni momento del tuo viaggio sia inaspettato e indimenticabile!

Dettagli

  • Viaggio in gruppo, Camion e 4×4
  • Hotel, Lodge, Kananga Safari Camp, Campeggio, Cave Camp
  • Guida di lingua italiana (se disponibile) o spagnola/inglese
  • Safari in 4×4 e camion, barca Luderitz, 1 volo elicotttero, 2 voli aeroplano, squalo bianco, safari a piedi, navigazione nel Delta, safari barca Chobe, barca o trekking nelle Cascate Vittoria

Attività extra

  • Escursione al Capo di Buona Speranza, elicottero delta, rafting, bungee jumping

Particolari del percorso

  • L’itinerario più completo delle rotte dell’Okavango: Kalahari, Fish River Canyon, Luderitz, la città fantasama, i cavalli del deserto e Aus.
  • Una combinazione di safari, cultura e paesaggi eccezionali.
  • 2 giorni a Città del Capo – immersione con lo squalo bianco
  • 3 voli inclusi su 3 Patrimoni dell’Umanità
  • Scambi culturali con gli Himbas e i Boscimani
  • Novità 2019: Spitzkoppe, safari a piedi in Damaraland

Tappe significative

Cape Town, Sudafrica

A Cape Town abbiamo incluso l’hotel più prestigioso della città e l’attività con gli squali bianchi!
Città del Capo era il porto d’ingresso dei colonizzatori del Sudafrica. Oggi è la città più cosmopolita del continente. Passeremo 2 giorni in questa bellissima città. Alloggeremo in uno dei migliori hotel, situati nello storico porto Table & Victoria Waterfront, Table Bay 5 Stelle la base ideale per visitare la città. Come in tutte le grandi città del mondo, ci si trova di tutto. Dagli avventurieri che vogliono scalare i punti panoramici di Table Mountain al suo orto botanico, a quelli che vogliono rilassarsi sul lungomare. Per chi vuole scoprire la vita della periferia, sarà possibile visitare il Capo di Buona Speranza, emozionarsi in Robben Island (famoso carcere piena di storia che fu la prigione di Nelson Mandela per più di 25 anni). Ci sarà anche l’occasione di degustare i migliori vini locali nelle aziende vinicole o scoprire il suo nuovo Museo di Arte Contemporanea Africana (Zeitz MOCAA).

Vieni con noi all’incontro più emozionante della tua vita e immergiti con il più grande predatore marino: il grande squalo bianco!
Da Gaans Bai salperemo con il nostro catamarano alla ricerca di squali bianchi. Quando arriveremo al punto più appropriato secondo l’equipaggio, inizieremo ad attirare quello che molti considerano il più grande predatore marino. Immergeremo la nostra gabbia in acqua e l’equipaggio farà in modo di avvicinarsi il più possibile agli squali. Dal ponte, saremo privilegiati spettatori di questa meraviglia naturale. I viaggiatori che desiderano essere più vicini a questi animali e vederli nel loro ambiente possono immergersi nella gabbia appositamente progettata. Questa attività emozionerà e affascinerà tutti i partecipanti!

Calvinia

La terra abitata dai Khoisans, Calvinia fu fondata nel 1851 ai piedi delle montagne di Hamtam. La città di Calvinia deve il suo nome al famoso Jean Calvin, iniziatore della riforma protestante. I vari stili architettonici di questa piccola città riflettono le grandi tappe della storia del Sudafrica. Così, in Calvinia troveremo lo stile olandese, vittoriano e georgiano nel mezzo della campagna, dove la gente vive principalmente di allevamento di bestiame e di lana. Soggiorneremo in vecchie case tipiche ma restaurate con mobili d’epoca. Costruito a forma di “T” nel 1854, Hantam Huis è un autentico edificio rappresentativo dei metodi costruttivi della fine del XVIII secolo. E’ servito più di un decennio per restaurare questo edificio e ripristinare il suo splendore originale con il suo autentico tetto laminato. È stato dichiarato monumento nazionale nel 1983. Nel puro stile del XVIII secolo, riposeremo in questo nostalgico villaggio dell’Afrikaans ideale per apprezzare una delle tante notti stellate del nostro itinerario.

Parco Nazionale Kgalagadi Transfrontier (Kalahari)

Questo immenso parco è nato nel 1999 dall’unione di 3 parchi nazionali ed è condiviso da 3 paesi: Sudafrica, Namibia e Botswana. I suoi paesaggi semi-desertici, con zone di dune d’ocra rossa di grande bellezza, appaiono davanti ai nostri occhi come prive di vita, in realtà nascondono una vera oasi di fauna. I leoni del Kalahari, dalla criniera nera spettacolare, ghepardi, leopardi, licaoni, iene e sciacalli tra i predatori. Ci sono naturalmente anche grandi mandrie di gnu, antilopi, orici, kudu, hartebeest rossi, giraffe, struzzi, springbok… Questo parco è eccellente per vedere suricati e avifauna, soprattutto rapaci. Visiteremo il parco dalla parte del Sudafrica: faremo un giro per la parte nord del parco, lungo i letti asciutti dei fiumi del Nossob e Auob. Uno dei posti migliori per osservare la fauna selvatica. Avvicinandoci alla parte interna, vedremo i cordoni di dune con la sua vegetazione che costituiscono il misterioso paesaggio del deserto del Kalahari.

Fish River Canyon

Dalle sue sorgenti a Khomas, vicino a Windhoek, il fiume Fish scorre attraverso pianure semi-desertiche. Alla fine del suo corso scende verso lo spettacolare canyon a cui dà il nome, poco prima di confluire nel fiume Orange, già al confine con il Sudafrica. Indubbiamente, il canyon del Fish River è uno dei rilievi più notevoli della geografia africana: è il primo canyon per dimensioni del continente e il secondo della terra dopo il Colorado. Dal 2018 ci accampiamo a Hobas per poter ammirare le migliore viste di questo impressionante paesaggio.

Lüderitz

Questo affascinante porto fu il primo insediamento tedesco sulla costa meridionale dell’Africa. Il guano e le balene erano le risorse che attiravano i primi esploratori in questa remota zona, ma la scoperta di diamanti all’inizio del secolo scorso l’ha trasformata completamente. Da questo momento in poi sono iniziati a sorgere i numerosi edifici coloniali nella zona di Lüderitz: in stile Guillermino e art déco. Sarà un piacere passeggiare attraverso le sue tranquille strade, in quanto l’afflusso di turisti è minimo. A seguire, partiremo in barca per esplorare la penisola di Lüderitz alla ricerca di delfini, foche e pinguini, fino al punto più settentrionale dell’Africa dove troveremo colonie di pinguini jackass. Questa zona è caratterizzata, oltre alle sue acque piuttosto fredde, dalle numerose baie, lagune e spiagge intatte. A pochi chilometri da Lüderitz, esploreremo Kolmanskop, conosciuta anche come la città fantasma. E’ stato a lungo il punto di partenza della ricerca di diamanti, che ha attirato migliaia di cercatori in questa zona isolata. L’abbandonarono quando i ricchi giacimenti si esaurirono. I suoi edifici adesso vuoti, alcuni restaurati e altri invasi dalle calde sabbie del Namib, sono la testimonianza silenziosa di uno dei periodi più intrepidi della storia della Namibia.

I cavalli selvaggi del Namib

Nel nostro percorso dal Fish River Canyon, proseguiamo verso il confine sud del Parco Nazionale Namib-Naukluft: seguendo la sottile striscia d’asfalto che si perde nei vasti spazi aperti dai toni ocra. Nelle vicinanze del “pozzo d’acqua” di Garub, può essere l’occasione in cui incrociare i mitici cavalli del Namib: gli unici cavalli selvaggi al mondo che galoppano liberi nel deserto. Le origini di questi cavalli sono un mistero: alcune delle teorie postulano che siano discendenti di uno stallone appartenuto al capitano Von Wolf, proprietario del castello di Duwisib. Altri pensano che siano i discendenti dei cavalli abbandonati dalle truppe tedesche dopo la loro resa nella città di Aus durante la campagna del 1915. O ancora, si dice che furono portati dai guerrieri Nama nella loro espansione verso nord del fiume Orange. Stiamo parlando di circa 150 esemplari: la loro particolarità è l’adattamento alla vita nel deserto, sia morfologico che fisiologico, in uno spazio di tempo incredibilmente breve.

Deserto del Namib: Namib National Park – Naukluft (Patrimonio Mondiale)

Uno dei paesaggi più affascinanti, lo troveremo nel deserto del Namib (Patrimonio dell’Umanità), uno dei più antichi del pianeta. C ircondati da montagne di sabbia rossa che raggiungono i 350m: le dune più alte del mondo.
La nostra esplorazione del deserto del Namib è molto completa. Ecco che cosa vedremo:

  • Per prima cosa, avremo la miglior vista con un volo panoramico di 45 minuti a bassa quota con aerei di 5 posti in modo che ogni viaggiatore abbia il proprio finestrino. Questo ci permette di avere una visione completa di tutte le bellezze di questa zona: le enormi dune rosse punteggiate da saline bianche, Sossusvlei, Deadvlei, il Big Daddy, White Mountain Witberg, Dune 45, il canyon di Sesriem e gli anelli misteriosi delle fate!
    Gli “anelli fatati” sono decine di migliaia di circoli di sabbia di colore rosso vivo, con diametro da 1 a 20 metri e circondati da vegetazione a forma di cerchio verde o giallo. Hanno una grande importanza e interesse per le tribù locali che raccontano varie leggende e hanno  attirato l’attenzione di molti scienziati alla ricerca dell’origine di questo fenomeno naturale.
  • Il giorno successivo, alle prime luci del giorno, entreremo a bordo di 4×4 nel Parco Nazionale Namib-Naukluft, attraversando l’interno del deserto fino a Dune 45, la valle di Sossusvlei e la Deadvlei. Cammineremo tra le dune per osservare i cambiamenti di colore in questo ambiente da sogno. Questo è il luogo dove: i primi raggi di sole flirtano con le dune, i loro colori cambiano, passando da un intenso rosso a un rosa pallido a mezzogiorno. Sempre in 4×4 ci avvicineremo ai laghi morti della valle di Sossusvlei. Scopriremo passo dopo passo tutti i segreti del deserto; la sua sfuggente fauna e vegetazione che sono riusciti ad adattarsi ad un ambiente ostile e allo stesso tempo bellissimo.
  • Dormiremo nel Sossusvlei Lodge, che si trova all’entrata del Parco Nazionale fra la duna Elin e il Canyon di Sesriem che ci permetterà di raggiungere le dune con le prime luci del giorno. Dalla piscina o dalla terrazza panoramica del Lodge avremo viste indimenticabili.

Swakopmund

I Namas furono i primi abitanti della foce del fiume Swakop, dopo di loro si stabilirono nel 1892. Swakopmund fu fondata dal capitano Curt Von François: fu il principale rifugio per i marinai della costa occidentale della Namibia per facilitare gli scambi tra la Germania continentale e la sua colonia. Oggi, questo è il primo centro termale della Namibia, un incredibile patrimonio architettonico e naturale. La delicatezza della sua architettura coloniale tedesca: contrasta notevolmente con le grandi dune del deserto circostante e la forza dell’Oceano Atlantico dove centinaia di fenicotteri pescano. Swakopmund, si distingue anche per le sue numerose botteghe artigiane e la sua offerta gastronomica, in particolare ostriche e pesce. Alloggeremo al Zume Kaiser 4 Stelle nel centro, a due passi dalla spiaggia, i musei e le case coloniali.

Cape Cross e la Costa degli Scheletri

La costa atlantica della Namibia è un luogo di autentica leggenda. Fin dai tempi degli esploratori portoghesi, questa zona fu descritta come maledetta per le sue dure condizioni ambientali, con molte nebbie e banchi di sabbia che distruggevano qualsiasi nave che si avvicinava alla costa. Oggigiorno, grazie al miglioramento della navigazione, sono poche imbarcazioni che si capovolgono su queste coste.
Visitiamo la costa degli scheletri al di fuori del parco nazionale, poiché è lì che troveremo i paesaggi più significativi e belli di questa zona. Visitermo la riserva di foche di Cape Cross, sede di una delle più grandi colonie di leoni marini del mondo (Arctocephalus pusillus), durante la stagione riproduttiva sono presenti fino a circa 100.000 esemplari.

Spitzkoppe (Novità 2019)

Nella regione arida di Damaraland, dalla distanza vedremo emergere all’orizzonte questa spettacolare formazione rocciosa di granito rosso.
Chiamato il “CERVINO” dell’Africa, le rocce granitiche di Spitzkoppe danno vita a curiose e belle figure dovute al raffreddamento e alla conseguente erosione di un immenso complesso igneo.
Un’altra caratteristica di questo punto è la tonalità della pietra che, durante l’alba e il tramonto, acquista toni rossastri. Il particolare colore rosso di Spitzkoppe è dovuto all’elevata concentrazione di minerali come l’ortosa e all’alterazione della roccia stessa.
Vedremo l’alba e il tramonto e dormiremo nel KANANGA CAVE CAMP come i Boscimani che in tempi remoti qui trovavano rifugio e pregavano. In diversi punti di Spitzkoppe troveremo dipinti dei Boscimani tra cui il piú importante “Bushman paradise”.

Damaraland e Twyfelfontein (Patrimonio dell’Umanità)

All’interno della Namibia esploreremo Damaraland: una delle zone più inospitali del paese tra cui l’albero predominante è il mopane e dove si possono vedere baobab, alberi tronco d’elefante, euforbie e welvichias tra la numerosa flora originale. Nel nostro percorso verso nord attraverseremo alcuni villaggi tipici come Herero, Nama e Damara, caratteristici di questa zona.
In una valle relativamente remota e isolata, troviamo quello che i Damara chiamavano Ui-Ais o pozza d’acqua ballerina, una zona in cui le incisioni e pitture rupestri sono tra i migliori gruppi di arte rupestre d’ Africa (World Heritage). Gli esperti stimano che ci siano oltre 5.000 rappresentazioni nella zona. Quando entri nella valle, sei stupito dalle sue dimensioni e dai giganteschi macigni che sembrano essere sul punto di crollare verso il fondo della valle. É qui, dove gli abitanti preistorici di questi luoghi ci hanno rivelato come percepivano il loro universo. I petroglifi risalgono da 6.000 a 2.000 anni fa. Boscimani cacciatori-raccoglitori dell’età della pietra furono gli autori della maggior parte delle incisioni e, probabilmente, di tutte le pitture rupestri. Le immagini rappresentano animali e esseri umani.

Palmwag (Novità 2019)

Si tratta di una riserva situata nel nord-ovest della Namibia, nel cuore di Damaraland, tra colline e prati. In questa zona desertica, si trova una pozza d’acqua proprio accanto al nostro campeggio, per cui di notte solitamente potrete sentire gli animali. Tra gli animali che si possono trovare qui ci sono l’elefante del deserto, il rinoceronte nero, le giraffe, le gazzelle, l’orix ma anche gli ultimi gruppi delle selvagge zebre di montagna che cercheremo di osservare nel tardo pomeriggio in un emozionante safari a piedi.

Gli Herero

Originari del gruppo linguistico Bantu, gli Herero provengono dal grande Rift dell’Africa orientale, arrivarono in Namibia verso la metà del XVI secolo. Oggi si concentrano nella parte settentrionale del paese. Agricoltori e allevatori di bestiame hanno sempre cercato le migliori terre della Namibia per stabilirsi. Prima hanno dovuto lottare contro gli interessi degli altri gruppi etnici locali e poi contro i coloni tedeschi per il possesso della terra arabile e ricca di minerali e diamanti. Questa fu la causa di una delle prime guerre coloniali in Namibia.
All’inizio gli Herero riuscirono a fermare l’avanzata delle truppe tedesche, ma nel 1904 i soldati tedeschi dopo la sanguinosa battaglia di Waterberg vinsero la guerra che si concluse con un terribile genocidio che è costato la vita al 80% della popolazione Herero.
Oggi, le donne Herero sono facilmente riconoscibili per i loro costumi che non sono cambiati dal XVIIII secolo, quando i missionari tedeschi li costrinsero a cambiare i vestiti. Le donne smisero di vestrie con le loro gonne di pelle per indossare abiti lunghi e larghi in stile vittoriano. I loro cappelli colorati imitano la forma delle corna delle mucche: un animale importante per loro, non solo come fonte di ricchezza, ma anche come parte integrante delle loro credenze religiose

Gli Himba e le Cascate Epupa

A nord di Opuwo e dopo tre ore di pista complicata, arriveremo dove il fiume Kunene fa un salto di più di trenta metri, formando tra le sue acque, isole di Baobab e vigorosi vortici d’acquai. Siamo alle cascate Epupa il quale fa da confine, naturale tra Namibia e Angola, a piedi andremo verso i villaggi della tribù Himba della zona. Si ritiene che gli Himba originariamente provenissero dalle terre del Sud Sudan e dall’Etiopia. Nel passato erano tribù nomadi, che si trasferirono nell’area che attualmente abitano in migrazioni che probabilmente iniziarono nel sedicesimo secolo; hanno caratteristiche chiaramente nilotiche i loro corpi alti e snelli lo confermano. Le donne Himba hanno la particolarità di spalmare sulla loro pelle e capelli una crema a base di cenere, burro vegetale e polvere di una pietra rossastra che si trova nella zona. Questa crema viene applicata sui loro corpi più volte al giorno durante il corso della loro vita.
Attualmente sono semi nomadi, la loro principale attività economica è l’allevamento di bestiame, generalmente sono gli uomini che si occupano mentre le donne rimangono nei villaggi o si prendono cura di coltivare le piantagioni che si trovano nelle loro vicinanze. Per questo motivo e dal momento che il percorso si svolgerà durante il giorno, troveremo solo donne, bambini e anziani nei villaggi.

Parco Nazionale Etosha

Situato al nord della Namibia su un’area di circa 22.000 km2, l’Etosha National Park è uno dei più grandi del continente ed è famoso per la sua grande popolazione di rinoceronti bianchi e neri. Dichiarato parco nazionale nel 1907, è caratterizzato da una grande pianura secca e salata, per cui a causa delle aride condizioni non troveremo molta vegetazione; per questo motivo, la visione degli animali è molto più favorevole che in altri parchi d’ Africa. Il parco è organizzato con diversi sentieri che portano a diverse “waterholes” (pozze d’acqua), dove durante la stagione secca (aprile-dicembre) non se ne trova molta però allo stesso tempo si trova la più alta concentrazione di fauna.
Grazie al percorso fra queste pozze avremo modo di ammirare bellissime scene di vita intorno a loro e vedere le diverse specie che vengono a bere. Il parco ospita leoni, leopardi, zebre, antilopi, rinoceronti bianchi, neri e giraffe, e molte altre specie.
Trascorreremo 2 notti nell’Etosha Village, un alloggio che ci offrirà comfort in un ambiente selvaggio. Si trova vicino all’entrata della porta Anderson che ci permetterà di passare le migliori ore di safari in questo parco.

Tsumeb

Considerato come “Porta d’entrata” del PN Etosha, Tsumeb è la città più vicina al parco, per cui è il luogo ideale per soggiornare e passare la maggior parte del nostro ultimo giorno di safari prima di partire, per Nyae Nyae dove conosceremo i Boscimani. La città fu fondata nel 1905 da coloni tedeschi che iniziarono estrazioni minerarie alla ricerca di pietre preziose e cristalli.
Tra i namibi è conosciuta come la “Città Giardino”, perché a seconda della stagione i colorati alberi di jacaranda e bouganville fiancheggiano le sue strade, uno spettacolo in netto contrasto con l’aridità generale del paese. Gli appassionati di geologia sanno che dei 184 minerali che sono stati scoperti qui, ben 10 non si trovano in nessun’altra parte del mondo. Ma soprattutto perché a sud della città troveranno un pezzo del più grande meteorite trovato sulla superficie del nostro pianeta. Dal peso di 60 tonnellate si pensa che sia precipitato sulla terra circa 80.000 anni fa.

I boscimani e la Riserva di Nyae Nyae

Parlando della storia dell’Africa, i nostri riferimenti spesso si limitano ai tempi coloniali e post-coloniali. Da Africa Experience, abbiamo voluto dare voce ai discendenti di uno dei popoli più antichi del pianeta: i Boscimani. Ti invitiamo a seguirci fuori dalle tipiche rotte turistiche per incontrare le ultime e più tradizionali comunità boscimane della Namibia nella riserva Nyae Nyae. Antico gruppo  nomade di cacciatori-raccogglitori. I San viaggiarono in piccoli gruppi familiari senza gerarchia e senza confini. Rispettando il ritmo della natura e lasciando come testimonianza i dipinti di incisioni rupestri sparsi per tutta l’Africa meridionale.

L’arrivo prima delle migrazioni Bantu e poi dei colonizzatori europei hanno ridotto di forma irreversibile le terre ancestrali di queste tribù. Minacciati da conflitti di interesse e nuove frontiere totalmente estranee ai loro modi di vita, sono stati obbligati ad abbandonare i territori più fertili e a vivere in aree aride e desertiche. Oggi i San continuano a subire pressioni. Perché abbandonino ancora di più il loro territorio, e si adattino a uno stile di vita sedentario, motivo per cui molti sono stati costretti a modificare i loro modi di vita tradizionali. Come esempio la politica del Botswana. Dalla fine del 2013, il governo ha proibito a loro di cacciare e ha chiuso i pozzi d’acqua per obbligare i San a lasciare le loro terre.
A Tsumkwe, nella riserva di Nyae Nyae, i San ci insegnerà parte della loro cultura ancora molto viva; la sua musica, l’arte, le tecniche di sopravvivenza e un po’ del suo linguaggio peculiare, composto in parte da clic caratteristici.

Parco Nazionale Khaudum

Una delle esperienze più avventurose del nostro viaggio: la troveremo al confine tra Namibia e Botswana. Dove scopriremo la parte meridionale di un parco estremamente selvaggio e poco conosciuto, il PN Khaudum. Solo i viaggiatori più intrepidi ed avventurosi hanno il coraggio di esplorare le sue piste sabbiose per conoscere la natura più selvaggia della Namibia. Arrivare al parco è già una grande esperienza a causa della difficoltà delle piste d’accesso! Ma lo sforzo vale la pena! A bordo del camion 4×4 appositamente preparato per questa escursione, con telefono satellitare e riserva di gas e acqua, andremo alla ricerca delle grandi mandrie di elefanti. Qui vivono animali in completa libertà e quasi senza contatto con altri esseri umani.
Inizialmente, Khaudum fu inaugurato per proteggere il modo di vita tradizionale dei Boscimani Nyae Nyae. Oggi è l’area naturale protetta più incontaminata della Namibia, ospita mandrie di elefanti, zebre, licaoni (Cani selvatici africani), leoni, leopardi e 320 specie di uccelli.
Questa escursione in camion 4×4 sarà fatta al mattino o al pomeriggio, bisognerà avere molta energia e pazienza poiché sarà necessario alzarsi molto presto. Si percorreranno piste sabbiose più difficili rispetto al resto del viaggio.

3 notti nel Delta dell’Okavango

Nel 1993 siamo stati pionieri nell’organizzare un viaggio attraverso il delta più bello del mondo e ci siamo innamorati di questo posto. Dopo aver percorso circa 1.400 km dalla sua sorgente negli altipiani dell’Angola, il fiume Okavango si fa strada attraverso le terre sabbiose del bacino del Kalahari. Formando un complesso labirinto blu e verde di stretti canali, isole, zone umide permanenti e stagionali: un ricco ecosistema la cui superficie può variare da circa 22.000 km2 (nelle stagioni umide e allagate) a 15.000 km2 (nelle stagioni più secche). Curiosamente, le acque del delta raggiungono il loro massimo livello durante la stagione secca in Botswana.

Quest’anno torniamo alle origini del nostro percorso e avremo il piacere e l’esclusività di soggiornare le prime due notti nel Kananga Safari Camp. Situato sulle rive di una delle più grandi lagune del delta, una delle sue zone più belle e paradisiache dove la flora è particolarmente generosa e il delta può essere apprezzato in tutto il suo splendore. È il più grande delta interno del mondo. Viaggeremo sui canali in motoscafi attraverso migliaia di piante di papiro, e dove la profondità ci lo consente, prenderemo il mekoro. Con queste barche tradizionali raggiungeremo un’isola nell’entroterra per mangiare in questo meraviglioso ambiente. Torneremo alla laguna nel nostro Safari Kananga Camp e alla fine del pomeriggio andremo in barca alla ricerca di coccodrilli e uccelli alla luce delle stelle.

Alle prime ore del mattino cammineremo per conoscere l’ecosistema del delta, la sua flora e fauna. La terza notte dormiremo in una casa galleggiante, in totale intimità in questo labirinto verde e blu di canali, lagune e isole, con il sottofondo della fauna africana. Finalmente, in piccoli aerei, voleremo dal centro del delta al Parco Nazionale Chobe, un volo che ci porterà a vedere dall’alto questo “giardino dell’Eden” ed esploreremo dall’alto uno dei migliori parchi nazionali d’Africa.

Parco Nazionale Chobe

Con oltre 70.000 elefanti e enormi mandrie di bufali, il PN Chobe, è uno dei santuari più belli della fauna africana, ci offrirà uno spettacolo naturale indimenticabile. Esploreremo questo grande parco seguendo Il fiume Chobe che ha dato il nome a uno dei parchi più belli d’ Africa per la diversità dei suoi paesaggi e della quantità di fauna che ospita. Troveremo mandrie di bufali, gnu, zebre di Burchell, numerose specie di antilopi, giraffe, babbuini, coccodrilli, ippopotami, e gli affascinanti leoni e leopardi.

Faremo 2 safari nel PN Chobe: al tramonto esploreremo il parco da un punto di vista eccezionale. Sarà possibile navigare con una chiatta sul fiume Chobe ottenendo viste privilegiate della fauna. Il giorno dopo di primo mattino, con i nostri veicoli, viaggeremo su strade accessibili solo in 4×4 e ammireremo l’abbondante fauna selvatica che ospita il parco.

Cascate Vittoria

Il maestoso Zambesi, il quarto fiume più lungo dell’Africa, si snoda attraverso sei paesi prima di sfociare nell’Oceano Indiano in Mozambico. A metà strada dalla sua sorgente in Zambia, la forza erosiva delle sue acque ha scolpito un paesaggio unico di canyon a forma di zig-zag attraverso rocce di basalto, formando le imponenti cascate Vittoria.
Lo Zambesi cade in linea retta da un’altezza di oltre 100 metri e, con una larghezza di 1700 metri, disegna la più lunga cortina d’acqua del pianeta. La popolazione locale la conosce come “Mosi oa Tunya” (il fumo che tuona), a causa della foschia e del ruggito che causano le acque quando collassano in un abisso profondo e stretto.

Nel 1855, il famoso esploratore e missionario Dr. Livingstone le scoprì per la prima volta durante uno dei suoi viaggi esplorativi nell’Africa meridionale. Durante un tour in canoa dello Zambesi insieme a guide locali del gruppo etnico Matalolo, fu stupito da questo spettacolo della natura e battezzò le Cascate Vittoria in onore della regina Vittoria d’Inghilterra. Senza dubbio merita la sua inclusione nella lista esclusiva delle Sette Meraviglie del Mondo e nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco!
Come tocco finale del nostro itinerario, faremo un soggiorno di due notti presso l’hotel 5 Stelle a Victoria Falls. Oltre alla sua posizione, al lusso e al comfort, abbiamo scelto questo hotel per la sua storia, stile, architettura e fascino coloniale.

Godrai in completo relax dell’acqua che alzano le Cascate Vittoria o la vista del ponte sul fiume Zambesi tra Zambia e Zimbabwe! Rivivrai i migliori momenti del nostro percorso con una tazza di tè o un gin-tonic allo stile del secolo XIX. Senza dubbio il modo migliore per dire addio alla nostra avventura nel continente africano.

2 escursioni incluse alle Cascate Vittoria

Non solo scopriremo le Cascate Vittoria in elicottero per apprezzarne l’immensità, ma ti accompagneremo in un trekking alla base delle Cascate dove potremo ammirare il profilo della faglia, dove le acque dello Zambesi precipitano in modo vertiginoso (111 metri).
Se preferisci, invece di scendere alla base delle cascate, puoi scegliere una crociera al tramonto sul fiume Zambesi.

I nostri veicoli

Per ogni zona dell’Africa necessita di un camion adeguato. I veicoli hanno caratteristiche diverse a seconda dell’area in cui si muovono; questo perché il tipo di terreno, il clima e il tipo di viaggio sono completamente diversi. I nostri veicoli hanno comodi sedili individuali, grandi finestre laterali, cinture di sicurezza, connettori USB per ricaricare le batterie, sedili alti e disposti nella direzione di marcia. Durante l’inverno australe (la nostra estate), le temperature possono essere basse per cui sono necessari veicoli di questo tipo.

A differenza dei nostri veicoli in Africa orientale, dove si fanno principalmente safari in parchi nazionali (sedili laterale frontali, chill out area con tetto apribile …). Qui l’interesse del gruppo è quello di avere un veicolo confortevole che possa spostarsi nel più breve tempo possibile da un punto all’altro in modo. Così da poter visitare la maggior parte dei parchi nazionali e riserve, e una volta lì, utilizzare i mezzi di trasporto più adeguati, lance, barche, 4×4 o elicottero.

Prezzo base
4.807,00
Disponibilità
Da luglio a novembre
Durata
28 giorni
Stati attraversati
Botswana, Namibia, Sudafrica, Zimbabwe

Itinerario

Giorno 1

Italia – Città del Capo

Partenza con volo regolare da Milano o Roma con scalo. Notte in volo.

Giorno 2

Città del Capo

Arrivati alla maestosa Città del Capo, alloggeremo nel prestigioso Hotel Table Bay 5 Stelle, situato nello storico porto Table e Victoria Waterfront uno dei migliori della città. Pomeriggio libero per conoscere la città.

Giorno 3

Città del Capo

Navigheremo per l’Atlantico per incontrarci faccia a faccia con lo squalo bianco. I più audaci possono scendere in una gabbia per vedere da vicino il più grande predatore marino (attività inclusa). Pomeriggio libero per conoscere la città Hotel 5 Stelle.

Giorno 4

Città del Capo – Calvinia

Una volta nel nostro camion, attraverseremo il Sudafrica fino a Calvinia, un tipico villaggio Afrikaans. Soggiorneremo in vecchie case restaurate con mobili d’epoca e con tanto fascino, un viaggio al XIX secolo! Hotel.

Giorno 5

Calvinia – Kalahari

Verso nord, attraverseremo una zona vinicola dove è possibile provare ottimi vini locali per poi arrivare alle porte di PN Kgalagadi Transfrontier nelle terre selvagge del Kalahari. Lodge.

Giorno 6

Kalahari – PN Kgalagadi Transfrontier

Entreremo nel mitico Parco Nazionale Kgalagadi Trasnfrontier, un parco poco visitato che nasconde dei fantastici paesaggi desertici, famosa per i suoi predatori: i leoni dalla criniera nera, leopardi e ghepardi. Campeggio.

Giorno 7

PN Kgalagadi Transfrontier

Seguendo i canali asciutti del Nossob e di Auob andremo alla ricerca dei suricati e della sfuggente fauna del deserto. Le sue sabbie rosse, i letti fluviali e la scarsa vegetazione ci permetteranno di fare stupende fotografie. Lodge.

Giorno 8

Kalahari – Fish River Canyon

Attraverseremo la frontiera con la Namibia e arriveremo a Fish River Canyon è il secondo più grande canyon del mondo e uno dei paesaggi più impressionanti della Namibia. Campeggio

Giorno 9

Fish River Canyon – Cavalli del Deserto – Lüderitz

Dopo aver conosciuto il canyon del Fish River, attraverseremo la zona dei diamanti di Lüderitz e vedremo i cavalli selvaggi del deserto, una specie unica la cui origine si fonde con la leggenda. Hotel.

Giorno 10

Lüderitz – Kolmanskop – Aus

Navigheremo per l’Atlantico sul nostro catamarano alla ricerca di foche, pinguini e delfini. Più tardi esploreremo la misteriosa città fantasma di Kolmanskop e raggiungeremo le montagne di Aus. Campeggio.

Giorno 11

Aus – Deserto del Namib

Ci dirigiamo a nord verso il deserto del Namib. Nel pomeriggio con aerei da 5 posti (ogni passeggero ha una finestra) faremo un esclusivo volo panoramico di 45 minuti per avere la miglior vista panoramica del deserto del PN Namib Naukluft. Ci permetterà una visione completa di tutte le attrazioni di questa zona: le enormi dune rosse punteggiate di saline bianchi, Sossusvlei, Deadvlei, la duna 45, il canyon Sesriem come pure i misteriosi anelli delle fate! Dormiremo in un lodge, idealmente situato tra la duna Elin e il Canyon Sesriem. Sossusvlei Lodge.

Giorno 12

Deserto del Namib – Swakopmund

Alle prime luci del giorno entreremo in 4×4 con autisti / guide locali specializzate nel Parco Nazionale Namib-Naukluft che attraversa l’interno del deserto fino a Dune 45, la valle di Sossusvlei e il Deadvlei. Un luogo di sconvolgente bellezza tra le più alte dune rosse del mondo. In camion arriveremo a Swakopmund, gioiello dell’architettura coloniale tedesca tra l’oceano e il deserto. Hotel Zum Kaiser 4 Stelle.

Giorno 13

Swakopmund – Cape Cross – Spitzkoppe

Visiteremo la riserva di Cape Cross (alle porte del PN Skeleton Coast) la più grande colonia di leoni marini d’ Africa e partiremo per Spitzkoppe, un ex santuario dei Boscimani e una delle formazioni rocciose più curiose al mondo. Kananga Cave Camp.

Giorno 14

Spitzkoppe – Twyfelfontein – Damaraland

L’alba sulle montagne ocre di Spitzkoppe è una delle più belle dell’Africa. Sulla nostra strada verso nord attraverseremo i villaggi di Herero nella regione arida e sterile di Damaraland, dove visiteremo i petroglifi di Twyfelfontein (Patrimonio dell’Umanità) Nel pomeriggio, accompagnati da una guida esperta, faremo un emozionante safari a piedi per poter osservare giraffe, zebre, antilopi, uccelli e i mitici elefanti del deserto

Giorno 15

Damaraland – Kaokoland – Cascate Epupa

A nord del Kaokoland, al confine con l’Angola, tra baobab e palme scopriremo le cascate dell’Epupa, territorio privilegiato delle tribù Himba. Kananga Safari Camp sulle rive del fiume Kunene.

Giorno 16

Cascate Epupa

Seguendo il corso del fiume Kunene, entreremo in contatto con una delle tribù africane più affascinanti e autentiche, i pastori Himba semi-nomadi. Visiteremo uno dei loro villaggi che ci permetterà di scoprire parte della loro affascinante cultura. KANANGA SAFARI CAMP sulle rive del fiume Kunene.

Giorno 17

Cascate Epupa – PN Etosha

Lasciamo alle spalle le Cascate Epupa per avvicinarci, attraverso la porta Galton appena aperta, al Parco Nazionale Etosha uno dei migliori parchi nazionali d’ Africa, famoso soprattutto per i suoi rinoceronti. Attraverseremo il parco da ovest a est e scopriremo il nostro confortevole alloggio, l’Etosha Village.

Giorno 18

PN Etosha

Giornata di safari in camion attraverso l’esteso parco del PN Etosha, santuario naturale per eccellenza. Casa di leoni, leopardi, elefanti, rinoceronti, zebre e giraffe e molti altri animali. Etosha Village.

Giorno 19

PN Etosha – Tsumeb

Ultimo giorno di safari nel PN Etosha. Attraverseremo il centro – est del parco, incluso la sua spettacolare salina ci fermeremo alle principali pozze d’acqua per vedere la fauna selvatica. Notte in un hotel nella storica città di Tsumeb dove cadde 80.000 anni fa il più grande meteorite in un pezzo unico mai incontrato oltre al più grande pezzo di ferro di origine naturale scoperto sulla superficie della Terra. Hotel.

Giorno 20

Tsumeb – Khaudum – Riserva di Nyae Nyae

Ci dirigeremo all’est della Namibia per vivere uno dei momenti più avventurosi del nostro itinerario: l’esplorazione in veicolo 4×4 della parte meridionale del PN Khaudum: un parco estremamente selvaggio. Kananga Safari Camp in prossimità di un villaggio di Boscimani tra i più tradizionali e meno influenzati dalla “civiltà”.

Giorno 21

Riserva di Nyae Nyae – Delta dell’Okavango

Al di fuori delle rotte turistiche tradizionali troviamo gli ultimi rappresentanti di una cultura quasi estinta, i Boscimani. Con una famiglia San, discendente della città più antica del mondo, faremo una passeggiata per conoscere tutte le loro tradizioni, la caccia e il suo modo di coltivare le terre. Ci lasciamo alle spalle le terre aride della Namibia, e attraversato il confine con il Botswana raggiugeremo le rive verdi e blu del Delta dell’Okavango (dichiarato Patrimonio Mondiale nel 2014). Una zona delle più spettacolari e belle, un luogo unico dove il delta si apre in uno spettacolare Estuario. Kananga Safari Camp.

Giorno 22

Delta dell’Okavango

Prima in motoscafo e poi in piroghe tradizionali navigheremo attraverso il delta dell’Okavango. A bordo del mekoro, seguendo il flusso rilassato del delta, scopriremo le sue ninfee, papiri, alberi, isole e fauna… Queste canoe tradizionali sono il mezzo di trasporto ideale per attraversare il cuore di uno degli ecosistemi più diversi, ricchi e incredibili di tutto il continente. Nel pomeriggio torneremo in mokoro e in barca alla nostra laguna scoprendo l’ecosistema del delta. Kananga Safari Camp.

Giorno 23

Delta dell’Okavango

Circondati da migliaia di piante di papiro, continueremo esplorando i canali del delta in barca, vedremo molta fauna selvatica e numerosi uccelli. Dormiremo in una casa galleggiante, una sistemazione semplice che ci permetterà di trascorrere una notte cullati Dal leggero scorrere dell’Okavango. Casa galleggiante.

Giorno 24

Delta dell’Okavango – PN Chobe

Scopriremo, ad altezza d’uccello, un labirinto verde e blu di isole, lagune e canali in un volo spettacolare su un piccolo aereo. Al tramonto faremo un safari in barca sul fiume Chobe, fonte di vita di questo magnifico parco: ippopotami, coccodrilli, bufali, elefanti e molti altri animali. Lodge.

Giorno 25

PN Chobe – Cascate Vittoria

Partiremo con le nostre esperte guide in veicoli 4×4 aperti per esplorare una delle riserve con le più grandi mandrie di elefanti di tutta l’Africa, ospita anche un gran numero di altri animali come bufali, leoni, iene maculate, ippopotami, giraffe, ecc. Al pomeriggio attraverseremo il confine con lo Zimbabwe e arriveremo a Victoria Falls. Il rombo causato dai suoi 111 metri di caduta, ci offre un meraviglioso spettacolo naturale. Soggiorno nel mitico Victoria Falls Hotel 5 Stelle.

Giorno 26

Cascate Vittoria

In Victoria Falls sono incluse per tutti i viaggiatori due delle escursioni più emozionanti del luogo. Sorvolare le spettacolari Cascate Vittoria in elicottero e scegliere tra il trekking alla base delle cascate o il tramonto sul fiume Zambesi in barca. Alloggeremo nel monumentale Victoria Falls Hotel 5 Stelle.

Giorno 27

Cascate Vittoria – Italia

Un’ultima vista alla cascata. Partenza del volo di ritorno. Notte in volo.

Giorno 28

Italia

Rientro in Italia. Arrivo a Milano o Roma.

Note

L’itinerario è provvisorio e potrebbe essere modificato sul posto.

January
February
March
April
May
June
July
August
September
October
November
December
Disponibilità alta
Disponibilità bassa
Non disponibile

Dettaglio Prezzi

Prezzi e servizi inclusi

Gruppo MIN/MAX10/20 persone
Prezzo base2995€
Pagamento in loco1100€ + 250 USD
Suppl. partenze dal 01/07 al 07/08295€
Suppl. partenze dal 28/08 al 02/10235€
Suppl. partenza 02/11145€
Suppl. partenze con un giorno extra in Città del Capo 80€
Suppl. gruppo da 10 a 14 persone235€

Include

Guida di lingua italiana (se disponibile) o inglese/spagnola / volo intercontinentale con Turkish Airlines (classe economica) / volo Cascate Vittoria – Johannesburg (classe economica) / trasporti appositamente preparati per safari / driver / cuoco / assistente di campeggio / alloggi come indicato nell’ itinerario / volo panoramico in aereo leggero sul deserto del Namib / ingresso al PN Chobe / crocera- safari e safari in 4×4 nel PN Chobe / escursione in 4×4 per il PN Namib Naukluft / volo in elicottero in Victoria Falls / opzione battello o trekking in Victoria Falls / navigazione in battello e attività gabbia con squali bianchi / catamarano a Lüderitz / entrata e visita con guida alla città fantasma di Kolmanskop / assicurazione personale di viaggio.

Non include

Visti / pranzo e cena a Città del Capo, Swakopmund e Cascate Vittoria, cena a Calvinia e a Lüderitz / tasse aeree (490€ circa) / tasse locali (nel caso ci fossero) / opzione ingresso cascata Vittoria / bevande extra / mance.

Pagamento in loco

Infrastrutture e servizi nel delta (Mekoro, lance e guide locali) / safari a piede a Damaraland / camion 4×4 Khaudum/ safari in barca al tramonto delta del Okavango / volo in aereo leggero Delta del Okavango – Kasane / entrate nei parchi nazionali e riserve (Fish River, Kalahari, Namib, Cape Cross, Etosha, Khaudum) / alcuni alloggi durante il percorso / tutti i pasti durante il percorso (esclusi quelli indicati in non incluso)

Una destinazione, 4 versioni

Perché ogni viaggiatore trovi il percorso che più si adatta al suo profilo.
Ogni persona è unica e ha il suo modo di viaggiare, i suoi desideri, il suo budget, la sua voglia di più o meno comfort …  è per soddisfare ogni viaggiatore che AFRICA EXP. ha creato diverse versioni per questo mitico viaggio!

  • 23 giorni – CLASSICO: eccellente equilibrio tra notti in alloggi selezionati con cura e 5 notti nelle nostre Kananga Safari Camps (senza sacco a pelo), senza dimenticare la notte in una grotta. 3 voli inclusi: Deserto del Namib, Delta dell’Okavango e Cascate Vittoria.
  • 23 giorni – COMFORT: Stesso itinerario classico, senza campeggio e migliorando il livello di sistemazione della versione classica. Stessa avventura, tutto il comfort!
  • 23 giorni – AVVENTURA: un budget eccellente per quei viaggiatori che cercano i viaggi di una volta; Campi e falò sotto mille stelle nell’Africa più selvaggia. 6 notti in un hotel affascinante. 3 voli opzionali: Deserto del Namib, Delta dell’Okavango e Cascate Vittoria.
  • 28 giorni – GRANDE PERCORSO OKAVANGO: Le stesse escursioni che il percorso di 23 giorni, però partendo in camion da Città del Capo: Calvinia, PN Kgalagadi in Sudafrica e Namibia meridionale (il Fish River Canyon, Luderitz, Kolmanskop, Aus …).
Torna in cima